“Lectures méditerranéennes ”: la Scuola Francese studia il Mare Nostrum

   L’École Française di Roma, in collaborazione la Casa de Velázquez di Madrid, lancia una nuova collana di libri a tema mediterraneo: le “Lectures méditerranéennes”, co-pubblicate dalla casa editrice Tallandier.

   L’obbiettivo, si legge nel sito istituzionale in francese (http://www.efrome.it/), è quello “di mettere in discussione la realtà contemporanea del Mediterraneo al prisma di varie scienze sociali.”. In concreto, si punta alla spiegazione del presente dell’area mediterranea, attraverso la problematizzazione e l’indagine storica ad ampio raggio: “Rivisitare le epoche ed i personaggi del passato, posando su di loro il nostro sguardo e le nostre domande di uomini e donne del ventunesimo secolo”; e ancora “dare alle grandi domande che attraversano questo inizio di millennio (mobilità, ambiente, religioni, territori, ecc.) la profondità della riflessione storica, questa è l’ambizione che guida le opere in questa serie”.

   Il primo volume, uscito il 4 gennaio, sarà presentato a Villa Bonaparte (Ambasciata di Francia presso la Santa Sede) il prossimo 22 febbraio. Sarà presente anche l’autore, Olivier Poncet. L’opera in questione, Mazarin l’Italien, si propone – come suggerisce il titolo – di indagare i rapporti del Cardinale con la sua patria Italia, l’influenza da essa ricevuta nella sua formazione, ed il forte scambio che lo stesso Primo Ministro ha permesso tra il mondo italiano e quello francese. “Questionare i legami di Mazzarino con l’Italia del Seicento permette di capire meglio l’uomo: essi qualificano l’azione del ministro, precisano le speranze del mecenate, spiegano la discrezione del cristiano. “.

   Il prossimo volume (Tommaso Di Carpegna, L’homme qui se prenait pour le roi de France ) sarà pubblicato a febbraio.

Enrico Giordano

 

Leave a Reply