Concorso Alberto Boscolo. Raccontare il Mediterraneo

Il prossimo 4 giugno, nella sede dell’Istituto di Storia dell’Europa Mediterranea di Cagliari, verranno premiati le studentesse e gli studenti che hanno partecipato al Concorso Alberto Boscolo. Raccontare il Mediterraneo, concorso regionale sul tema “Raccontare il Mediterraneo: storia, cultura e società”, rivolto agli alunni e alle alunne delle scuole secondarie di I grado della Sardegna. Il Premio è intitolato al prof. Alberto Boscolo, grande studioso del Mediterraneo e fondatore dell’ISEM.

Il Mediterraneo è fatto di tante storie e di tante culture, che si sono incontrate e continuano ad incontrarsi in questo spazio liquido. È un ambiente fisico, ma anche uno spazio culturale, nel quale sono nate, cresciute e si sono sviluppate tante civiltà. Riflettere e ripensare alla storia del Mediterraneo è l’occasione, per ragazzi e ragazze, di conoscere le proprie radici culturali e identitarie e ripensare all’incontro con l’Altro in un arco storico che va dal Medioevo all’Età contemporanea.

Il 4 giugno dalle 11.00 in poi la sede dell’ISEM verrà animata da circa cinquanta ragazze e ragazzi dell’Istituto comprensivo di Tonara e dell’Istituto Comprensivo di Olmedo che riceveranno i loro premi offerti da alcune istituzioni che hanno collaborato alla realizzazione di questa iniziativa: una targa alla classe, libri ai singoli vincitori e vincitrici, e libri alle scuole.

 

Negli ultimi tempi il CNR ha promosso una stretta collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione, alla quale l’ISEM ha aderito con entusiasmo, allo scopo di creare una maggiore sinergia tra Istituti CNR e Istituti scolastici. Sono stati favoriti e realizzati percorsi di alternanza scuola-lavoro, corsi di formazione per docenti e concorsi di scrittura per gli studenti delle scuole di I e II grado. Visti i risultati ottenuti, è in corso di programmazione l’attività per il prossimo anno scolastico, così da favorire una sempre maggiore disseminazione dei risultati scientifici del CNR verso una platea di giovani più ampia.

Leave a Reply