Agosto 2019 Proposte

 

Con un giorno di anticipo sul mese di Agosto, durante il quale la redazione di Isemblog va in vacanza, proponiamo alcuni volumi tratti dalle riviste collazionate nei mesi precedenti, oppure suggeriti – o magari scritti – da amici e collaboratori. I collegamenti sono diretti all’editore e/o alla rivista che ne pubblica la recensione.

 

Per illustrare il manuale di Thomas Cauvin, Public history: a textbook of practice (Routlege 2019), prendiamo in prestito un estratto della recensione di Jozefien De Bock, in originale sull’European Review of History: “Nell’introduzione a Public History: A Textbook of Practice, Thomas Cauvin spiega come sia impossibile scrivere un manuale esaustivo per quegli storici che desiderino praticare, o già abbiano cominciato a farlo, il settore della public history – quella storia che coinvolge un vasto pubblico al di fuori dell’accademia. Tuttavia nel libro riesce ad avvicinarsi abbastanza al farlo. Il volume ha due scopi: il primo è quello di riaffermare la necessità di portare la storia e gli storici tra il pubblico e coinvolgerlo con il passato. Il secondo è quello di mostrare agli storici come partecipare in queste pratiche storiche pubbliche. Al termine del libro, i due obiettivi sono stati sicuramente raggiunti.”

 

 

 

Elena Maccioni e Sergio Tognetti in: Tribunali di Mercanti e Giustizia Mercantile nel Tardo Medioevo (Firenze: Leo S. Olschki 2016) analizzano alcuni casi di giustizia nell’ambito del commercio mediterraneo tardo medievale. Una serie di ricerche, incentrate sulle città di Firenze, Barcellona e Ragusa (Dubrovnik), mettono in luce la varietà di fattispecie ma anche di procedimenti utilizzati dalle comunità mercantili per risolvere le loro controversie. Il minimo comune denominatore della pubblicazione è rappresentato dallo straordinario panorama documentario, in larghissima parte inedito, capace di aprire squarci assai significativi non solo nell’ambito della giustizia mercantile, ma anche della storia economica, politica e sociale nel suo complesso.

Su English Historical Review si trova una recensione di Henry Tann.

 

 

Les Consuls en Méditerranée, agents d’information xvie-xxe siècle (Classiques Garnier 2015), è una raccolta di saggi pubblicata nella collana “Les Mediterranées” con introduzione di Silvia Marzagalli. Il volume verte sulla natura dell’informazione veicolata attraverso i consoli che collegano lo spazio mediterraneo, dalle modalità di questa trasmissione, alla maniera in cui essa contribuisce a “in-formare” la realtà del tempo, a ciò che rivela circa le relazioni tra il console e i suoi destinatari.

Una recensione di Magnus Ressel si trova sulla Revue d’Histoire Moderne ed Contemporaine.

 

 

 

Cogliamo l’occasione di questa rubrica per proporre il volume a cura di Maria Grazia Rosaria Mele: Mediterraneo e città. Discipline a confronto che Isemblog ha segnalato alcuni giorni fa. Il testo, in uscita per i tipi di Franco Angeli, raccoglie gli atti dell’omonimo Convegno internazionale organizzato a Cagliari dall’ISEM nell’ottobre del 2016 e chiude l’attività dell’Istituto nell’Ambito del Progetto “Diagnostica non distruttiva: Analisi dei fattori di rischio del patrimonio culturale e ambientale” finanziato dalla Regione Autonoma della Sardegna (L.R. 7/2007 – Promozione della ricerca scientifica e dell’innovazione tecnologica in Sardegna, Bando 2012) cui l’ISEM ha partecipato con una propria Unità

Per altre informazioni e link al demo elettronico si rimanda alla pagina Isemblog.

 

 

 

a cura di Rosalba Mengoni

Leggi anche: Bibliografia Mediterranea

 

Leave a Reply